8 marzo 2022 il corteo e la guerrilla toponomastica

2022 03 08 banner

L'Aquila Corteo in adesione allo Sciopero Femminista e Transfemminista

2022 03 08 h13Alle 15:30, dalla futura sede definitiva della Casa delle Donne, nel piazzale antistante la Basilica diCollemaggio, ha preso il via il corteo che ha attraversato la città al suono di interventi e approfondimenti sui temi dello sciopero, performance, mostre, corpi e voci liberi. Guarda la gallery.

Ad organizzarlo tra le varie Associazioni anche Donne TerreMutate e Donatella Tellinile associazioni della Casa delle Donne.

Abbiamo urlato insieme che più che mai rifiutiamo la guerra, tutte le guerre, che arricchiscono l'industria delle armi e i poteri militari, dove le più e i più deboli pagano prezzi enormi. Le armi non sono servite a darci sicurezza contro la pandemia. È invece la necessità della rivoluzione della cura la lezione più importante che il Covid ha insegnato al mondo, per un’idea di interdipendenza e convivenza, per ribaltare il paradigma del profitto che costruisce distruzione del pianeta, disuguaglianze e guerre.

Abbiamo rivendicato nella scuola e nelle università: investimenti in termini di strutture, aule, dispositivi di prevenzione e trasporti per la sicurezza; la presenza di consultori, presidi sanitari e psicologici, regolamenti chiari per il contrasto alle molestie; l’educazione all’affettività e l’educazione sessuale orientata al piacere, al rispetto delle differenze e al consenso; corsi di sicurezza sul lavoro che possano essere realmente formativi e utili.

Abbiamo espresso il nostro incondizionato rifiuto ad essere sfruttatə da una società che si basa su un modello di produzione capitalista che vuole mantenere lo status quo assoggettandoci agli imperativi patriarcali di famiglia, maternità e divisione sessuale del lavoro!

Ed ancora abbiamo chiesto con forza...........Riconoscimento del diritto di tuttə alla salute in tutte le sue componenti. Maggiori finanziamenti alle strutture sanitarie2022 03 08 h13 pubbliche a partire dalla salute mentale e maggiore dignità per le figure professionali e le associazioni che da troppo tempo hanno questa responsabilità sulle loro spalle! Ai Centri antiviolenza fondi necessari allo svolgimento delle loro attività. Sportelli di ascolto e spazi transfemministi attivi, efficienti e con adeguate figure professionali. Che i nostri corpi grassi, non conformi, non bianchi, con disabilità, trans, queer, fluidi non siano più discriminati; le persone lgbtqai+ infatti nell’ultimo anno hanno subito ancora più pesantemente la violenza delle istituzioni che hanno affossato una legge già di per sé insufficiente!

Abbiamo anche voluto segnare e guardare la città con occhi di donne con una sorta di 'guerrilla toponomastica femminile e femminista', nominare luoghi senza nome con nomi di Donne da ricordare, da ammirare, da avere tutt* come esempio.

Quattro tappe durante il corteo: la prima per denominare Cancelli aperti Franca Ongaro i cancelli aperti dell'ex p.o. di Collemaggio, la seconda per denominare Rotatoria Teresa Sarti la rotatoria della villa comunale, la terza in piazza della fontana luminosa la cui rotonda è ormai Rotonda Laudomia Bonanni. La quarta alla fine del corteo, è sera e abbiamo pochissima luce, per fissare la targa che denomina la rotonda dello stadio Rotonda 8 marzo.

Sul tema svilupperemo un progetto da seguire e portare avanti con attenzione perchè il nominare le tante grandi donne, oltre che essere una azione di giustizia, ci aiuterà a sconfiggere la cultura univoca del patriarcato.

terre mutate logo

Associazione Donne TerreMutate – via Angelo Colagrande, 2A - 2B, 67100 L'Aquila laquiladonne@gmail.com laquiladonne@pec.it